I CAPTCHA non potranno più costituire un ottimo modo per ‘riconoscere” un interlocutore umano

E’ sempre vero, qualunque chiave, qualunque algoritmo di cifratura, qualunque strumento di difesa informatica ha sempre i giorni contati, è sempre solo questione di tempo.

Ho sempre pensato che i captcha (acronimo di Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart) fossero, seppure a volte disturbanti e non sempre comprensibili neppure per noi umani, un buon sistema di difesa contro i bot… Non è così, leggendo questo articolo sul blog di Html.it ho scoperto che anche loro hanno i giorni contati.

La condivisione su Slideshare

Uno degli ultimi esami universitari, che ho dato qualche anno fa, è stato Sistemi e reti wireless per il quale ho preparato uno studio sullo standard IEEE1604.9 (reti veicolari). Ho pubblicato su Slideshare (oltre che qui)  le slide e la relazione. Qualche tempo dopo sono stata contattata, in merito alla possibilità di utilizzare il materiale pubblicato ed ho acconsentito. Poi non ho avuto più notizie.

Ogni tanto, come questa sera, cerco il mio nome e cognome su diversi motori di ricerca (giusto per vedere quali risultati vengono mostrati) e con grande sorpresa ho trovato che, sul sito Port Training Platform  dell’Autorità portuale di Livorno, nell’ambito di una presentazione sui sistemi di trasporto intelligenti a cura di Sebastian Muller (ETSI) e Paolo Pagano (APL/CNIT) sono riportati, citando l’attribuzione, alcuni contenuti del mio lavoro. Ringrazio P.Pagano per questo.

“A volte ritornano” di John Niven

Dopo Le solite sospette non mi sono fatta mancare il più noto “A volte ritornano” di cui qui ho riportato le copertine della versione inglese e italiana (si mantiene il mio solito problema: … se Gesù nel libro è descritto come biondo . .. perchè nella copertina italiana è bruno?).

A parte la copertina devo dire che il ritorno sulla terra di Gesù dopo molti secoli è davvero esilarante anche se in alcuni tratti del libro è inevitabile pensare che, seppure siano passati secoli dalla ‘prima discesa in terra’,  alcuni pensieri e comportamenti sociali non siano poi molto cambiati …

Lo dicevo io: “La temperatura percepita non esiste”

Quest’estate, oltre al caldo terribile che ci sta devastando, sentiamo sempre più spesso parlare di ‘temperatura percepita’. Un’espressione che, oltre a farmi arrabiare, non ha senso, o meglio ha senso ma è un dato soggettivo (La mia percezione della temperatura in questi giorni è circa di 45-50°). Finalmente qualcuno che la pensa come me: qui l‘articolo di Simone Stefanini su dailybest.

Current web design?

Leggendo questo articolo sul il blog di hml.it mi sono venuti in mente i primi siti internet che negli anni ’90  molti (tra i quali c’ero anche io) facevano. A quel tempo mi sembravano bellissimi i messaggi di benvenuto e di buongiorno o buona sera che potevi impostare a seconda dell’ora … , il puntatore del mouse che potevi far trasformare in qualunque oggetto e le prime interazioni con l’utente facendo compilare moduli per raccogliere iscrizioni alla propria mailing-list. Vero è che la grafica dei tempi era poco gradevole: nel giro di massimo due minuti tutte le  frecce multicolori, puntini impazziti e scritte che viaggiavano sulle pagine riuscivano a sfinire chiunque … senza considerare poi gli ‘omini’ under construction che popolavano interi siti e vi rimanevano per anni …

Nel confermare che l’eleganza del design minimalista negli ultimi anni è indiscutibile, riporto qui il link al sito Brutalistwebsites dove sono mostrati screenshot di alcuni siti di ‘Brutalist webdesign’. Siti spesso con aspetto austero, forse un po’ imperfetto, ma che sono caratterizzati da un sorprendente ed innovativo impatto grafico.