Molto interessante l’articolo “Lavoratori sotto algoritmo” di A.Longo su NOva che tratta la questione della fedeltà  dei lavoratori in tempi di big data e racconta di una nuova generazione di software per le risorse umane nata negli Stati Uniti